Lisbona viaggio indimenticabile

Ottobre in pieno autunno, l’estate ormai è passata, inizia il primo freddo, le prime nuvole grigie che portano pioggia. Siamo in Italia, saliamo in aereo con il giubbino e voliamo in direzione Portogallo.

Un volo veloce che cambia velocemente il nostro abbigliamento. Cielo azzurro, le nuvole si diradano… caldo, qui è ancora estate.

Lisbona Convento do Carmo

Lisbona l’abbiamo amata da subito, sarà perchè è stato il nostro primo viaggio insieme oltre i confini o l’atmosfera particolare che si respira, non lo sappiamo ma di sicuro ha regalato tantissime emozioni. Ci siamo sentiti a casa e non dei semplici turisti.

La città sicuramente è riuscita a catturarci, una continua esplosione di gioia e scoperte. Lisbona viene considerata malinconica, conosciuta sopratutto per la sua musica popolare il Fado che racconta di lontananza, sofferenza, emigrazione ma è anche una città che di notte diventa eclettica, piena di vita.

E’ un insieme di emozioni forti. Lisbona è rimasta nel cuore.

Fernando Pessoa considerato uno dei maggiori poeti portoghesi disse:

I viaggi sono i viaggiatori. Quello che vediamo non è quello che vediamo, ma quello che siamo.”

Lisbona statua Pessoa

Cosa vedere a Lisbona?

I Quartieri della città sono di per se un’attrazione turistica ed ognuno con uno spirito unico, una sua anima. Un continuo sali e scendi tra vicoli e scorci incantevoli, dove la vita scorre lenta. Per chi ama camminare tanto come noi di sicuro si divertirà ed è il modo migliore per entrare a pieno nell’atmosfera che Lisbona offre. All’occorrenza c’è la metropolitana oppure il celebre Tram 28.

  • La Baixa è il quartiere centrale e il più frequentato di giorno dai turisti. E’ il simbolo della città e della rinascita. Dopo il terremoto del 1755 fu ricostruita totalmente, con uno stile classico. Questa zona è ricca di negozi, hotel, ristoranti.
  • Il Chiado è uno dei quartieri storici di Lisbona. Ritrovo un tempo degli intellettuali. E proprio qui possiamo trovare la statua di bronzo di Fernando Pessoa, considerato uno dei maggiori poeti portoghesi.
  • Il Bairro Alto è il quartiere dove si svolge la vita notturna a Lisbona. La movida portoghese. Proprio il nome deriva dalla sua posizione, in alto, rialzato. Un quartiere storico, malfamato un tempo di Lisbona. Oggi il ritrovo di giovani e turisti. Tra i suoi negozi vintage e stradine strette. La sera si accende di colori tra i bar tipici della zona.
  • Alfama o quartiere del Fado. Qui nacquero i primi insediamenti della città, per la vicinanza al Castello di S.Jorge. Oggi è un quartiere pittoresco ed offre dei panorami mozzafiato della città. Inoltre esperienza da fare assolutamente è un giro sul tram 28 che sferraglia per le viuzze del quartiere.
  • Il quartiere di Belem è situato nella parte occidentale di Lisbona. Un tempo zona di cantieri navali. Oggi meta turistica soprattutto per visitare la Torre di Belem che è il monumento più fotografato dai turisti. E proprio in questo quartiere che troverete l’antica pasticceria famosa per le Pasteis de Belem, tortine ripiene di crema pasticcera portoghese profumate di cannella.
  • Il Parque das Nações (Il Parco delle Nazioni) è la parte più moderna di Lisbona, molti edifici sono stati costruiti proprio in occasione dell’Expo 98. Una enorme zona affacciata lungo la riva del fiume Tago. Uno dei più grandi progetti di riqualificazione e di modernità urbana.

Dove mangiare senza glutine a Lisbona

  • Open Brasserie Mediterranica in Rue de Santa Marta 48. Una bella atmosfera, parlano anche italiano, molto gentili e informati sulla celiachia. Dall’antipasto al dolce senza glutine! Tutto ottimo.
  • Zarzuela in Rue Bernardino da Costa 23. Ottima la colazione con vasta scelta e qui si possono assaggiare le famose pastel de nata. A pranzo si possono assaggiare piatti tradizionali come il bacalhau com natas.
  • O Tasco Do Vigário in Rua do Vigario 18. Locale a conduzione familiare con cucina tipica portoghese di pesce, molto rustico ed economico. Ditegli che siete celiaci e immergetevi nei gusti.
  • O forcado in Rua da Rosa 221. Cena senza glutine e musica popolare il Fado. Un bel mix per immergersi nelle tradizioni portoghesi.
  • A Ginjinha in Largo São Domingos 8. E’ un locale storico, praticamente un buco dove non si mangia ma si può degustare il liquore tipico portoghese la Ginja è strabuono.
  • Paralelo 45 in Rua Castilho 27B. Ambiente elegante avevamo la pulsantiera per chiamare il cameriere! Cucina ricercata dal gusto delicato. Siamo rimasti felicemente sorpresi.

In portoghese senza glutine si scrive sem glùten, noi non abbiamo avuto nessuna difficoltà.

Dall’aeroporto al centro e viceversa

Consigliamo la metro per comodità e prezzo. La linea Rossa collega aeroporto e centro in circa 15 minuti. Orari dalle 06:30 alle 01:00 di notte. Costo del biglietto € 1,50 maggiori info su (link metro).

Altre soluzioni sono: Aerobus 91 attivo dalle 07:00 alle 21:00 e taxi di notte e fine settimana maggiorazione del 20%

Quando e altre info

Periodo consigliato: da marzo a novembre con i mesi più caldi luglio e agosto.

Moneta: Euro

Documento: Carta d’identità

Volo: Easyjet o altre compagnie low cost

Spostamenti in centro: Metro, tram e autobus

Pernottamento: Noi abbiamo soggiornato al HF Fenix Lisboa

Souvenir: il modellino del tram 28 – la statuina del Gallo di Barcelos

Costo del viaggio: volo A/R e hotel per 4 notti in due € 320.

Link utili:

Condividi:

Commenti